La strana (dis)avventura di Wang, operato “per sbaglio” di emorroidi

Qualche tempo fa, sul quotidiano cinese People’s Daily, è apparsa una notizia talmente strana da sembrare inventata: un certo Wang (nome di fantasia), durante il travaglio della moglie, è stato sottoposto per errore a un’emorroidectomia.
Le cose sono andate in questo modo: il 29enne cinese si trovava presso l’ospedale di Shenyang appena fuori dalla sala parto che, per sua sfortuna, era adiacente alla sala dedicata alla chirurgia proctologica. Durante la trepidante attesa Wang si è sentito chiamare da un’infermiera che gli ha detto di entrare, togliersi i pantaloni e sdraiarsi sul lettino – cosa che lui ha fatto diligentemente perché, come dichiarato successivamente a un giornalista del People’s Daily, «Pensavo che mia moglie avesse bisogno di qualcosa, così sono entrato. Ero dubbioso, ma credevo che volessero farmi capire cosa stesse passando mia moglie. Così ho obbedito».
Cinese con espressione di sorpresa sul voltoL’ignaro (e non eccessivamente sveglio, viene da pensare) Wang prosegue nel racconto: «Ero lì, sdraiato, quando ho sentito il bambino piangere. Volevo alzarmi e andare a vederlo, ma mi faceva così male il didietro che non riuscivo a muovermi». In sostanza, al ragazzo sono state tolte le emorroidi ma di tutto questo si è reso conto solo nel momento in cui il chirurgo ha chiamato la suocera, annunciandole la buona riuscita dell’operazione. Una storia veramente al limite dell’incredibile, eppure confermata dalla struttura sanitaria.
Wang si è lamentato del fatto che nessuno l’aveva avvertito, né gli aveva domandato come si chiamava o fatto firmare alcuna autorizzazione. L’ospedale, dopo aver ammesso la sua colpa, per scusarsi si è offerto di risarcirlo con la somma di 5000 yuan (circa 665 euro) puntualizzando che però il paziente soffriva effettivamente le emorroidi. Fortunatamente la vicenda si è conclusa bene: Wang è tornato a casa con un bambino perfettamente sano, un gruzzoletto inaspettato in tasca e niente più emorroidi. Tutte cose che, comunque, sarà riuscito a godersi appieno solamente una volta passato il dolore post-operatorio.
Due buone notizie per chi ci sta leggendo: chi deve essere operato di emorroidi può contare in Italia su un sistema sanitario meglio organizzato rispetto a quello cinese e anche su metodiche chirurgiche più avanzate: oggi le emorroidi non si tolgono più ma, grazie a tecniche mininvasive e conservative, vengono riportate alla normalità senza asportarle a beneficio della rapida e non dolorosa guarigione del paziente.

News